Tutorial: “Fiori in primo piano”

Se stai cercando di migliorare la tua fotografia di paesaggio, ti suggerisco di lavorare sul “primo piano”.
Quest’area è spesso ciò che fa la differenza fra immagini monotone, ripetitive e fotografie spettacolari.
E’ un errore comune nella fotografia paesaggistica: davanti ad una veduta affascinante, ci si concentra solo sul panorama, trascurando il “primo piano” .
Per perfezionare la tua foto dovrai inserire un elemento interessante in “primo piano” e ti assicuro che tutto cambierà.
I fiori sono i soggetti ideali per un “primo piano” di grandi vedute, perché aggiungono colore, interesse, profondità e consistenza al panorama.
E’ facile inserirli in una foto, perché sono i componenti della natura più comuni, di varie dimensioni, foggia e colore.
Li trovi ovunque: nei pascoli di montagna, in città, nel sottobosco, lungo le sponde di un fiume, nei prati incolti di pianura, fra gli scogli di una zona costiera, ecc.
I fiori possono migliorare i tuoi paesaggi in vari modi:
– fungono da punto di ingresso al paesaggio e guidano l’occhio dello spettatore all’interno della foto,
– Grazie ai loro colori, attirano l’attenzione dell’osservatore e possono sopperire ad una composizione non ben strutturata o non pensata con attenzione.
– Quando sono presenti in massa, la tua foto di panorama sembrerà ancor più spettacolare.
Altezza, orientamento e angolo di ripresa della fotocamera, sono considerazioni importanti da fare e possono aiutarti a realizzare la corretta inquadratura.
Davanti ad un fiore la prima tentazione di un fotografo è quella di realizzare una “macro” ossia una foto ravvicinata ed ingrandita e di un singolo elemento per evidenziarne la struttura e la singolarità di alcuni organi.
In realtà, la soluzione migliore è quella di allargare il campo e catturare i fiori nel contesto in cui vivono, includendo nello scatto anche l’ambiente circostante.
In una foto paesaggistica, generalmente si desidera la nitidezza totale di tutti gli elementi presenti sulla scena.
Per generare un’ampia profondità di campo imposta la priorità di diaframma a f/16 e un valore di ISO più basso (in genere 100).
Alcune immagini hanno un aspetto migliore quando l’intera scena è nitida, altre viceversa possono beneficiare di uno sfondo leggermente sfocato.
Usa un’apertura ampia (f/2,8) e metti a fuoco il soggetto in “primo piano”.
Nello scatto, lo sfondo apparirà confuso.
Non fotografare sempre restando sempre in piedi, ma abbassati!
Se vuoi attirare l’attenzione sul “primo piano” colorato, scatta da un punto di vista basso.
Funziona bene!
Usa un grandangolo e avvicinati ai fiori.
In questo modo cambierai la prospettiva: la fioritura in “primo piano” apparirà più grande e di maggior impatto rispetto all’ambiente circostante.
Inclina leggermente la fotocamera verso il basso per dare più enfasi ai fiori e non al cielo.
Una volta che hai individuato il soggetto da porre in “primo piano”, è il momento di comporre l’inquadratura.
Ci sono diverse regole di composizione da seguire nella fotografia paesaggistica, ma la “Regola dei terzi” è probabilmente il più comune.
Il vento potrebbe disturbare le riprese, rendendo difficile la messa a fuoco.
Imposta una velocità di otturazione molto rapida (es. 1/2000″) in modo da mantenere i fiori e il fogliame nitidi e ben fermi nel fotogramma.
Se la luce naturale non è sufficiente, dovrai anche aumentare il valore della sensibilità ISO.
E foto a corredo di questo tutorial sono state scattate fra le colline dell’Oltrepò pavese e il monte Pennice con una fotocamera compatta Canon PowerShot G7X Mark2.
Conclusioni
E’ importante avere un elemento in “primo piano”, perché crea l’illusione della profondità.
L’occhio dello spettatore viaggia dal soggetto vicino (situato davanti a lui) allo sfondo, passando sui piani intermedi.
Sono realmente pochi i componenti naturali che in una foto esprimono la stessa vitalità e forza dei fiori.
Posso garantirti che vale la pena dedicare qualche secondo alla ricerca di un fiore da inserire nella tua foto panoramica.
I fiori inoltre hanno la capacità di dare vita i tuoi scatti.
Usa i fiori spontanei per arricchire i tuoi paesaggi!

Testo e foto di Alvaro Foglieni

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo su:

1 commento

  1. Ciao Alvaro
    Grazie per i suggerimenti forniti per ottenere una bella foto paesaggistica
    La metterò in pratica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *