Tutorial: “Nebbia in Val Padana”

Per il fotografo della natura, l’autunno è un periodo di grandi opportunità.
La stagione non offre solo lo spettacolo del “foliage”, l’arrivo della nebbia propone anche nuovi ed interessanti scenari fotografici.
Le foschie forniscono spunti per fantastiche composizioni e intriganti soluzioni per scatti carichi di atmosfere autunnali.

Di seguito, troverai qualche rapido consiglio per ottenere affascinanti immagini in cui le brume e le nebbie caratterizzeranno i tuoi scatti.

Ottiche
Stai fotografando il paesaggio, per cui il grandangolo è la scelta migliore.
Usa una lunghezza focale oltre il 20mm, che ti permetta una messa a fuoco ravvicinata.

Potrai realizzare perfette foto con foglie (o altri soggetti) in primissimo piano e gli alberi sullo sfondo, coi profili resi impalpabili dalla nebbia.

Imposta la priorità di diaframma
Il valore di apertura dipende dal risultato che vuoi ottenere.
Hai due possibilità:
– per avere perfettamente a fuoco il primo piano e lo sfondo, usa diaframmi chiusi al massimo (f/11 o f/16); con queste impostazioni, i soggetti saranno più definiti e spiccheranno meglio sullo sfondo bianco.

– per accentuare l’effetto della nebbia, scegli i diaframmi molto aperti (f/2,8 o F/4); così facendo la nebbia coprirà i soggetti, rendendoli quasi inavvertibili.

In entrambi i casi, il risultato finale (“l’effetto nebbia”) dipenderà molto dalla consistenza della foschia.

Sensibilità ISO
Imposta il valore ISO più basso possibile, avrai immagini nitide e con maggiore vivacità cromatica.

Se invece preferisci una foto con un minore contrasto, con una definizione più morbida e soggetti meno espliciti (rarefatti), utilizza una sensibilità maggiore (>ISO800).
In questo caso, l’effetto “grana grossa” favorirà il risultato finale, creando un’atmosfera sognante.

Compensazione dell’esposizione
Per rendere più evidente la foschia e conservare i toni biancastri della nebbia, devi agire sulla compensazione dell’esposizione.

Parti da +2/3EV, scatta una foto di prova e, se necessario, aumenta la sovraesposizione portandola a +1EV.
Se non correggi l’esposizione proposta automaticamente dalla tua fotocamera, corri il rischio di avere immagini grigie uniformi, impastate e totalmente prive di contrasti.

Composizione
– Sfrutta il controluce. In un boschetto, i raggi di sole che filtrano fra gli alberi creano interessanti tagli di luce.
– Nella scena, includi sempre soggetti riconoscibili: alberi, cascine, ponti, chiese, il profilo delle colline, ecc.
– Inserire “l’uomo” per dare il senso delle proporzioni.

– Segui le classiche regole di composizione (regola dei terzi, linee di forza, peso visivo, ecc.), otterrai ottimi scatti in ogni situazione.
– Usa la nebbia e falla diventare la “cornice” ideale di una cascina, un albero, gli uccello posato sull’acqua dello stagno, ecc.

La foschia dovrà mettere in risalto il soggetto principale, evidenziarlo a “protagonista della foto”, anche se è un elemento appena accennato e soffuso.

Post-Produzione
Ovviamente un scatto sul campo realizzato con un’ottima composizione ed esposizione, è sempre da preferire rispetto un’immagine elaborata in post-produzione.

Ci sono però dei ritocchi, elaborati con specifici software, che possono migliorare certi aspetti della foto.
Il mio consiglio, in caso di post-produzione di immagini in cui è presente la nebbia, è di realizzare interventi minimi che non stravolgano e falsino lo scatto di partenza.
Queste modifiche, molto importanti per il risultato finale, saranno oggetto di un prossimo workshop realizzato nella nostra sede, presso la Casa delle Associazioni in Via Saponaro, 20 – Milano.

Conclusioni
Il meteo a volte sembra ostile, ma anche con il brutto tempo è facile trovare ottimi spunti fotografici.
Partecipando ai nostri appuntamenti del venerdì sera, avrai modo di incontrare molti altri  fotografi della natura e venire a conoscenza di trucchi e suggerimenti utili per realizzare interessanti foto…anche con un clima sfavorevole.

Testo e foto di Alvaro Foglieni

 

 

 

 

 

L’articolo ti è piaciuto?
Lasciaci un commento qui sotto e fallo sapere anche ai tuoi followers.

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo su:

6 commenti

  1. Ottimo tutorial, molto ben fatto e ricco di informazioni e suggerimenti.
    Grazie Alvaro!

  2. Validissimo tutorial ricco di preziosi consigli. Bravo Alvaro, complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *