Tutorial: “Fotografare con lo smartphone”

Da qualche anno, la fotografia naturalistica ha a disposizione un nuovo strumento per fermare i ricordi più belli di un’escursione o immortalare al meglio la veduta mozzafiato di un panorama: lo smartphone.

I “telefonini” sono sempre più performanti ed in alcuni casi possono sostituire con successo la macchina fotografica.
Se usi lo smartphone come fotocamera, hai una serie di vantaggi, quali:
– dimensioni molto contenute del dispositivo,
– leggerezza,
– non ingombra nello zaino o in valigia,
– è sempre con te,
– realizza foto di buona fattura grazie a sensore sempre più efficienti (gli scatti hanno una qualità da fotocamera “entry level“),
– veloce,
– intuitivo,
– economico,
– permette una condivisione istantanea dei tuoi scatti.

Di contro, la macchina fotografica rimane comunque il migliore strumento da utilizzare se si vogliono immagini di alta qualità.
Grazie ai sensori più grandi ed alle migliori proprietà delle ottiche, la fotocamera permette di ottenere immagini più nitide, perfettamente a fuoco, con una maggiore personalizzazione dell’esposizione.
Inoltre le reflex hanno la possibilità di sostituire gli obiettivi in virtù della foto che si vuole scattare: un grandangolo per i panorami, un tele per la fotografia naturalistica agli animali ed un macro per fiori e insetti) un grande vantaggio che, a tutt’oggi, è precluso allo smartphone (in realtà oggi con il sistema digiscoping è possibile utilizzare il cellulare anche per fare caccia fotografica).

Di seguito troverai 7 brevi suggerimenti che ti permetteranno di usare al meglio la fotocamera del tuo cellulare e scattare foto più interessanti e creative.

1 Pulire la lente della fotocamera

Pulire la lente della fotocamera, è la prima cosa da fare quando vuoi fotografare.
In genere infiliamo il cellulare in tasca, in borsetta, nello zaino e lo appoggiamo sul tavolo, sul divano, sulla scrivania, sul cruscotto dell’auto, ecc.
Lo maneggiamo con mani sudate, unte e sporche.
L’obiettivo dello smartphone tende a sporcarsi facilmente e se non pulito, rischi di avere foto sfuocate, più scure o con pelucchi sull’immagine.
E’ sufficiente usare un panno morbido, in microfibra (non la maglietta), per risolvere il problema.

2 – Modalità “Automatica”

Imposta la modalità “Automatica” e lascia valutare allo smartphone quali parametri ottimali impostare.
Le nuove tecnologie fotografiche dei telefonini, sanno risolvere anche le situazioni più difficili (buio, poca luce, controluce, foto interne, ecc) nel migliore dei modi.

3 – Aumenta la risoluzione

La regola base della fotografia digitale è: “più risoluzione = più definizione”.
La risoluzione è data dai pixel : “più pixel = più risoluzione”.
Pertanto, per avere foto più dettagliate e più definite, seleziona la dimensione foto più elevata che il tuo smartphone può offrire.
Lo svantaggio di foto ad alta risoluzione è che sono pesanti da condividere e occupano più spazio nella memoria del cellulare

4. Non usare lo zoom, avvicinati!

Stare troppo lontani dal soggetto principale, è uno degli errori più comuni che si fanno quando si fotografa con lo smartphone.
Se il soggetto è troppo piccolo rispetto all’inquadratura, la foto è … vuota.
Inoltre, quando tenterai di ingrandire la scena per vedere alcuni dettagli, l’immagine risulterà, sgranata, poco nitida e sfuocata.
Molto meglio avvicinarsi fisicamente al soggetto, piuttosto che utilizzare lo zoom.
Negli smartphone, lo zoom è digitale, non ottico.
Se messo in funzione non fa altro che moltiplicare artificialmente i pixel, con una conseguente perdita di nitidezza.
Fai in modo di avere sempre poca distanza fra te ed il soggetto principale, oltre ad avere una composizione più interessante, avrai una migliore qualità nell’ immagine.

5 Fotografa in orizzontale

A seconda della scena che si desidera fotografare dovrai decidere se scattare con il telefonino verticale o orizzontale.
La stragrande maggioranza delle foto che trovi in Internet o Instagram sono fatte tenendo lo smartphone verticalmente (come se si stesse telefonando).
I cellulari però scattano in formato 16:9, questo significa che l’immagine sarà molto stretta e lunga.
Scattare le foto tenendo lo smartphone in orizzontale, è molto meglio.
Ne guadagna la composizione.
Fotografa in verticale solo lo stretto necessario, come ad esempio i soggetti che hanno uno sviluppo verso l’alto: un campanile, una torre o un ritratto a figura intera.

6 Rispetta la “regola dei terzi”

Ricordati sempre di comporre le tue foto utilizzando la “regola dei terzi”.
La stragrande maggioranza dei telefonini in commercio ha la funzione “griglia” nelle impostazioni.
Attivala e quando scatti una foto, posiziona il soggetto principale su uno dei quattro punti di intersezione.
La griglia inoltre permette di allineare correttamente la linea dell’orizzonte, evitando così “il mare che pende” e le foto storte.

7 Usa due mani

Solo i selfie si scattano con una sola mano, per tutte le altre foto, usa due mani.
Durante lo scatto, tieni lo smartphone il più fermo possibile.
Appoggia la schiena ad un muro, ad un albero, ad una parete o usa un supporto.
Le vibrazioni in fase di scatto rendono mossa la foto.
Reggere il cellulare con due mani, garantisce maggiore stabilità ai tuoi scatti.

CONCLUSIONE
Lo smartphone è certamente una buona soluzione per scattare fotografie, anche se non ha prestazioni paragonabili ad una fotocamera.
Però, non mi stancherò mai di ripetere, la vera differenza la fa il fotografo, non l’attrezzatura.
Solo mettendo passione, impegno e buona volontà riuscirai migliorarti e realizzare scatti più belli.

Testo e foto di Alvaro Foglieni

 

 

 

 

 

 

Se l’argomento ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici sul tuo social preferito!
Aiutaci a diffondere la passione per la fotografia naturalistica!

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo su:

6 commenti

  1. Ottimi questi semplici al contempo efficaci consigli riguardo ad uno strumento che oltre a permetterci di tenerci in contatto sostituisce spesso altre macchine fotografiche, grazie Alvaro.

    Al giorno d’oggi poi se si ha uno smartphone con una funzione manuale e addirittura la possibilità di salvare file DNG ci si può proprio sbizzarrire 🙂

  2. Grazie per questi suggerimenti.Molti pensano che il nostro smartphone non sia vosi semplice e pratico per ottenere dei bei scatti

    1. Elena, le tue foto sono molto belle.
      Ancor di più le tue elaborazioni con Photoshop.
      Suggerisco a tutti gli amici e lettori di visitare il blog di Elena: https://nonsolocampagna.wordpress.com/ per ammirare i bellissimi lavori di post-produzione.
      Brava, brava, brava!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *