Parata nuziale dello Svasso maggiore

Ecco uno dei grandi appuntamenti con la natura che un fotografo appassionato di caccia fotografica non deve perdere.
Quando il periodo dell’accoppiamento si avvicina, lo Svasso maggiore ci offre la possibilità di fotografare l’elaborata parata nuziale, una cerimonia complessa e molto affascinante fatta di offerte e di risposte.
Il rituale fu descritto per la prima volta dall’ornitologo Julian Huxley nel 1912 ed ancora oggi rappresenta un momento molto affascinante della vita animale.
A partire dal mese di febbraio, si assiste ad una serie di esibizioni realizzate da entrambi i partner caratterizzate da un rituale rigido, complesso e prestabilito.
Se lo schema non è eseguito alla perfezione, il cerimoniale di corteggiamento si interrompe e si ripeterà in un secondo momento (anche più volte).

L’intera sequenza avviene in acqua.

1)

Tutto inizia dopo che la coppia di Svasso maggiore ha stabilito il proprio territorio su uno specchio d’acqua (lago, cave allagate, palude, ansa del fiume, ecc.).

2)

Il maschio, cerca di attirare l’attenzione della femmina mostrando la gorgiera aperta ed i ciuffi ben eretti, emettendo inoltre tutta una serie di grida e richiami.

3)

Attirata l’attenzione della femmina, assume la “posizione del gatto”, ossia si distende sull’acqua e le si avvicina lentamente.

4)

Ora entrambi i partner sono una di fronte all’altro ed iniziano a muovere il capo (come a dire “no”) ritmicamente.

5)

Ad un certo punto, simultaneamente si allontanano entrambi e si tuffano sott’acqua, raggiungono il fondo e raccolgono delle alghe.

6)

Riemergono contemporaneamente a poca distanza l’uno dall’altra ed entrambi hanno con un ciuffo di erbe acquatiche nel becco.

7)

E’ il momento più spettacolare: la “danza del pinguino”.

8)

Il corpo emerge a pelo d’acqua e grazie a un veloce movimento delle zampe si avvicinano entrambi fino a rimanere dritti una di fronte all’altro.

9)

Il dono nuziale è la fase che completa il corteggiamento.

Se il cerimoniale è stato eseguito in modo corretto, i due partner si allontanano ed iniziano la costruzione del nido.
La coppia resterà unita per tutta la stagione riproduttiva.
L’intera fase ha una durata di una decina di minuti circa e i due individui si estraniano completamente dall’ambiente circostante, a vantaggio del fotografo che potrà riprendere con facilità l’intera sequenza.

Conclusioni
L’intera parata nuziale, si svolge in prossimità del luogo in cui sarà costruito il nido.
Sul nido avviene anche l’ultimo atto del corteggiamento: l’accoppiamento.
Il corteggiamento dello Svasso maggiore, è sicuramente il più elaborato rispetto al rituale di qualsiasi altro uccello acquatico italiano.
Non perdere questa interessante ed affascinante opportunità fotografica.
La “danza del pinguino” dura solo pochi secondi, ma è qualcosa che rimarrà nella tua memoria per sempre.

Testo e foto di Alvaro Foglieni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *