Le più belle oasi naturalistiche consigliate da nostri fotografi – “Cronovilla” (PR)

Mini guida alle oasi migliori nel Nord Italia, dove puoi osservare molti uccelli, fare birdwatching e scattare ottime immagini.

Un utile strumento per sapere dove andare, quando andare e quali uccelli puoi trovare.le-piu-belle-oasi-naturalistiche

L’area naturalistica Cronovilla, ubicata nel comune di Traversetolo (Pr) in località Vignale, è a mio parere una delle più belle, ben curate e accessibili oasi del Nord Italia.
È un luogo perfetto per l’osservazione degli uccelli e per la fotografia naturalistica.
L’oasi è aperta tutto l’anno 24 ore su 24 ed il suo ingresso è gratuito, ma si può partecipare ad una donazione volontaria di 5 Euro per il mantenimento.

Il curioso nomarco-cronovillame “Cronovilla”, deriva da una antica fabbrica di orologi per stazioni ferroviarie e postali.
Nel logo dell’oasi si può intuire la presenza di un orologio, con le lancette fatte da due rami di alberi.

La vicinanza del torrente Enza, assicura all’oasi la costante presenza dell’acqua, un bene prezioso per i tanti uccelli che frequentano l’area naturalistica tutto l’anno.

Cronovilla dispone di ben 22 capanni d’osservazione in legno con posti a sedere e feritoie per l’osservazione e la fotografia.
La struttura dei capanni è in ottimo stato e la manutenzione è rigorosa e puntuale.
In quasi tutti ho trovato il cestino dell’immondizia con paletta e scopina.marco-cronovilla-airone-bianco-maggiore-foto-di-alvaro
La loro posizione all’interno dell’oasi è studiata in modo da offrire la massima copertura delle zone umide e la possibilità di fotografare con il Sole alle spalle durante tutta la giornata.
Una curiosità: ho frequentato l’oasi quasi sempre durante i giorni lavorativi ed ho trovato pochissimi visitatori/fotografi all’interno della struttura.
Un vero paradiso, se paragonato alla vicina Oasi di Torrile (PR).

La vegetazione che circonda le zone umide è varia e rigogliosa ed è caratterizzata da zone aride, canneto e boschi di ripa.
Spostandosi tra i camminamenti protetti, si arriva ai capanni posizionati sul bordo degli specchi d’acqua. Dalle specifiche aperture si possono avvistare diverse specie di volatili, anatre e gli immancabili Aironi (Airone Cenerino, Garzetta, Airone Bianco Maggiore, Nitticora, Tarabuso e Tarabusino).
Da ogni punto di osservazione potrete vedere un tripudio di uccelli acquatici: Germano Reale, Alzavola, Marzaiola, Moriglione, Folaga, Svasso maggiore, Tuffetto.

marco-cronovilla-foto-alvaro
Il Martin Pescatore è facile da fotografare, grazie ad alcuni posatoi sistemati a pochi metri davanti al capanno “doppio”.
Nei periodi della migrazione l’oasi di Cronovilla offre un riparo per la sosta di diversi limicoli tra cui il Cavaliere d’Italia, Beccaccini, Pantane e Combattenti.
Come attrezzatura fotografica, suggerisco un tele da 300mm per fotografare i Limicoli durante il passo primaverile e in periodo di nidifcazionene, per tutta l’altra avifauna è necessario almeno un 400mm.

Dal bosco che circonda gli stagni, si possono osservare moltissimi piccoli passeriformi, su tutti: Cinciarelle, Cinciallegre, Lui Piccolo, Fringuelli.
Su vecchi alberi si sente il toc toc toc del Picchio Rosso Maggiore e tanto altro ancora.
Il Canto del Cuculo è una cosmarco-cronovilla-sterna-comune-di-alvarotante delle giornate estive.

Ti suggerisco di visitare il capanno N° 3 a maggio.
A pochi metri di distanza dalle feritoie, su piccole isole di sassi, potrai fotografare la parata nuziale delle Sterne con l’offerta del pesciolino fatta dal maschio alla femmina.

Il parcheggio è grande, ma incustodito.
Ti raccomando di non lasciare attrezzature fotografiche o oggetti in vista all’interno dell’auto.

VALUTAZIONE GENERALE: 9

Autore: Marco

LUOGO: Località Vignale, Traversetolo (Pr)

COORDINATE GPS (Parcheggio): 44° 38’ 48.2” N – 10° 24’ 56.7” E

 

Conosci quest’oasi?
Hai lo stesso parere di Marco?

 

Ti è piaciuto l’articolo?
Condividilo con i tuoi amici sul tuo social preferito!
Aiutaci a diffondere la passione per la fotografia naturalistica.

 

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo su:

Nessun commento

  1. Non conoscevo quest’oasi, ma da come ne parli deve essere veramente molto interessante… Mi sa proprio che andrò a visitarla.

  2. Davide andremo a visitarla vorrai dire con tutti quelli che vorranno unirsi a noi

  3. Concordo con quanto ha scritto Marco.
    Anche a me piace molto Cronovilla, perchè è un’oasi molto vasta e c’è una notevole disponibilità di capanni.
    Ho sempre scattato ottime foto ed incontrato persone disponibili e simpatiche.
    Purtroppo da informazioni molto recenti (Ottobre 2016), sembra che l’oasi sia in totale stato di degrado.
    Con la gestione WWF, pare che l’intera area sia in evidente condizione di abbandono.
    Se così fosse, sarebbe una notevole perdita per noi fotonaturalisti.
    Chiunque avesse notizie più aggiornate, è pregato di segnalarle.

  4. Alvaro purtroppo ho letto anche io ultimamente queste informazioni allarmanti.
    Speriamo in un miglioramento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.