Sensazione d’infinito

È possibile trasmettere una sensazione di spazio infinito con una immagine?
Si, con un facile trucco, possiamo infondere nell’osservatore la percezione di trovarsi davanti ad un’estensione enorme.
In realtà non c’è nessuna magia o sotterfugio.
È una semplice tecnica che rende la tua foto più emozionante perché fa sentire lo spettatore come un tassello di una scena immensa, infinita.
Questa pratica può trasformare foto noiose in immagini straordinarie e accattivanti.
Il procedimento è molto semplice: per dare un’impressione di spazio, dovrai escludere dall’inquadratura ciò di cui non hai bisogno, ad esempio la cima di una montagna o il bordo di un prato, di un lago, ecc.

Il risultato lo puoi ottenere in due modi:
• Usando un teleobiettivo
“Croppando” (ritagliando) in post-produzione

Non importa se utilizzi una fotocamera compatta o la reflex di ultima generazione, per questa tecnica non è richiesto nulla di speciale.
In genere, per i panorami, utilizzi un grandangolo per avere un angolo di campo maggiore.
Per questa tecnica dovrai cambiare l’obiettivo e utilizzare un teleobiettivo.
Una lunga focale restringerà il campo offrendoti la possibilità di eliminare tutti i soggetti inutili per il risultato finale.
Così facendo, sarà più facile controllare l’inquadratura e il soggetto principale sarà l’unico protagonista.
La foto apparirà di facile lettura senza le aree “vuote” da vedere e l’intera immagine trasmetterà la sensazione di un unico elemento in uno spazio infinito.
La foto sopra è stata realizzata con un tele da 300mm.

L’altro metodo invece suggerisce di usare il “ritaglio” piuttosto che zoomare.
Questo è un grosso vantaggio perché puoi intervenire in post-produzione per creare una composizione interessante, anche se la tua foto originale non è eccezionale.
Se vuoi avvicinarti a un soggetto nella foto, prova a ritagliare anziché ingrandire.
Quando in post-produzione rifili un’immagine, fai in modo che il perimetro dell’area inquadrata, si estenda oltre il bordo del fotogramma.
Questo creerà un’impressione di vastità.

Conclusioni
La fotografia panoramica non è tanto ciò che hai davanti nella realtà, ma come la vedi “con gli occhi del fotografo”.
In ogni caso, non complicare l’immagine con troppi elementi/soggetti importanti da guardare.
Cerca e sperimenta angolazioni insolite e composizioni innovative.
Pensa alle foto meno riuscite come a dei trampolini di lancio verso l’immagine finale perfetta.
Anche le immagini “brutte” sono utili, ti stanno aiutando ad aprire la strada verso il successo.

Testo e foto di Alvaro Foglieni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *