Verifiche pre-composizione

La composizione determina in modo importante la riuscita o meno di una fotografia.
Usando le regole di composizione, potrai guidare facilmente l’attenzione dell’osservatore su di uno specifico soggetto, su un particolare o su una parte dell’immagine che consideri più importante.
Capire, ricordare a mettere in pratica le differenti tecniche può risultare difficile, specie per chi si avvicina per la prima volta alla fotografia naturalistica.
In questo articolo troverai le principali linee guida per realizzare foto creative e di sicuro impatto.

La giusta angolazione
La scelta della posizione da cui scattare la foto ha una grande influenza sul risultato finale dell’immagine.
Il giusto angolo di ripresa può aiutare a raccontare una storia.
Se fotografi un panorama, è buona norma stare più in basso possibile.
Se invece stai fotografando un animale, è meglio essere al livello dei suoi occhi.

Orizzonti sempre diritti
L’orizzonte storto è molto fastidioso agli occhi di chi guarda la tua foto.
Prima di scattare una foto, controlla che sia diritto.
Se hai una foto con l’orizzonte storto, correggila in post-produzione.

La presenza di un soggetto forte
Fai in modo che in ogni tua foto di paesaggio ci sia qualcosa che attragga l’occhio dello spettatore.
Che si tratti di un singolo oggetto (albero, fiore, casetta, ecc) o di una persona, che sia un evento naturale (tramonto, nuvole minacciose, arcobaleno, ecc) o il taglio dato alla foto (più mare/terra che cielo, più nuvole che prato, ecc) l’elemento protagonista deve essere di forte impatto e interessante.

Regola dei terzi
È una delle regole fondamentali della composizione in fotografia, che aiuta a creare equilibrio e profondità in un’immagine.
Due i concetti da tenere sempre in considerazione:
· Non porre mai il soggetto principale al centro della scena, ma sempre in corrispondenza di uno dei quattro punti focali “astratti”.
· Usare le linee di forza inferiori o superiori della griglia ” dei terzi” come riferimento su cui collocare l’orizzonte di un panorama.

Punto di messa a fuoco
Qualunque cosa tu stia fotografando dovrà avere il soggetto principale sempre perfettamente a fuoco.
Quando fotografi gli animali, assicurati di avere gli occhi bene a fuoco.
Pertanto, punta la fotocamera su un solo occhio o tra i due.
Se stai fotografando un gruppo di uccelli, cerca il contatto visivo con almeno un soggetto.
Se sta scattando foto ad un panorama, imposta un diaframma chiuso (F/11 o F/16 max) per avere un ambio campo perfettamente nitido e a fuoco.

Elementi di distrazione
Prima di scattare la foto, guarda che nella scena non ci sono elementi di disturbo.
Nell’inquadratura non devono esserci fattori che potrebbero distrarre l’osservatore dal soggetto principale.
Se fotografi una persona, controlla che dietro la testa non “spunti” nulla di estraneo (es. albero, cartello, palo, ecc) e che non abbia tagliato mani e piedi.

Dare senso alle dimensioni
La presenza di una persona o un oggetto può rendere un paesaggio più affascinante, perché aiuterà a far capire meglio quanto è grande e vasto tutto il resto nella foto.
Più è piccola la persona o l’oggetto, più drammatica sarà l’immagine.
L’elemento dovrebbe essere grande quanto basta da essere percepibile e catturare l’attenzione degli spettatori, ma non così prominente da distrarre dal paesaggio.
Tieni presente che non hai sempre bisogno di una persona, un oggetto riconoscibile che fa già parte del paesaggio (una baita, un’auto, una fontanella, ecc) funziona altrettanto bene.
Usa manufatti di dimensioni note in modo che lo spettatore possa stabilire una connessione tra loro e l’ambiente circostante.

Meno è meglio
Non commettere l’errore di includere tutto quello che vedi nella foto, rischi di realizzare uno scatto sconclusionato e caotico.
Prova a scegliere un elemento come soggetto principale e imposta una minima profondità di campo (F/4 max) per sfocare tutto ciò che sta intorno ad esso.
Otterrai una composizione esteticamente molto piacevole.

Conclusioni
Come con qualsiasi tecnica, il modo per familiarizzare con le regole di composizione è attraverso la pratica.
Inizia con la regola dei terzi, la più facile.
Le altre regole più complesse le potrai applicare in post-produzione, tramite il ritaglio.

Testo e foto di Alvaro Foglieni

2 commenti

    1. Author

      Grazie mille Francesco,
      i tuoi complimenti sono uno sprone a fare sempre meglio.

      Ciao
      Alvaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *