Stessa oasi, stessa località

Scattare immagini favolose o uniche di un uccello selvatico è l’obiettivo di tutti gli appassionati di caccia fotografica.
Se hai già provato, sai bene che questo genere di fotografia non è facile da realizzare.
Per scattare belle foto di animali selvatici in ambienti liberi e non controllati, come le aree con capanni a pagamento), è necessario conoscere a fondo il comportamento e le abitudini di una determinata specie e il territorio in cui vive.
Mentre il primo obiettivo è facilmente raggiungibile con lo studio e la pratica, la perfetta padronanza di un luogo è molto più complicata e lunga.
Gran parte della fotografia naturalistica agli animali selvatici si basa sulla cattura di immagini realizzate dopo fugaci inquadrature.
Risulta pertanto utile essere in grado di prevedere in anticipo il loro comportamento.
Conoscere le abitudini del tuo soggetto può fare la differenza tra essere pronti e preparati per catturare il “momento” o vederlo volar via senza poter scattare nessuna foto decente.
C’è solo un modo per conoscere la fauna selvatica … passare del tempo sul campo e studiare il comportamento animale dal vivo.
Lo stesso vale per il territorio.
Solo frequentando ripetutamente la stessa località puoi imparare a conoscerla, ma se abiti in una grande città, questo è veramente difficile.
Io vivo a Milano e trovare aree verdi dove praticare caccia fotografica è quasi impossibile, il più delle volte l’escursione fotografica è lontana da casa mia.
Spesso si conclude con un’unica visita che dura poche ore perché tornare ripetutamente in un posto distante, diventa impegnativo e costoso.
In questi casi, succede che per ottimizzare i costi, finisci col fotografare quante più uccelli possibili nel tempo a disposizione, passando da una specie all’altra senza pensare più di tanto.
In poco tempo devi quindi concentrare tutte le tue possibilità di scattare …splendide immagini esclusive.
Intendiamoci, non c’è nulla di sbagliato in questo approccio e a volte è anche molto divertente, anche se è fortemente soggetto al fattore …“C” o fortuna.
Il problema scoppierà più tardi a casa, quando guardando le foto con più attenzione, riconoscerai che ce ne sono molte di scarsa qualità.
Sono certo che il tuo primo pensiero sarà: “… potevo fare molto di più, se solo avessi avuto più tempo!”.
Non dico che non sia fattibile catturare immagini memorabili in un’unica visita scattando a raffica, ma ciò che è impossibile da realizzare è fotografare il soggetto in modo approfondito.
Il sistema migliore per riuscire a catturare il comportamento spontaneo di una specie è di frequentare con regolarità una determinata zona.
Concentrando la tua presenza su un luogo vicino a casa, potrai visitarlo più e più volte nell’arco di una stagione o di un anno.
Così facendo, potrai fotografare un soggetto molto bene e su un periodo di tempo più lungo.
Escursione dopo escursione, ti ritroverai con una più ampia varietà di immagini, perché sarai riuscito a documentare ogni aspetto della quotidianità degli uccelli presenti.
Pensare di arrivare per la prima volta in un luogo sconosciuto e fare la …foto del secolo, è pura illusione!
Ma….non basta conoscere un luogo dove fotografare gli uccelli.
È importante conoscere anche le abitudini della specie: a che ora sono più attivi, quando mangiano, come si riposano, la distanza di fuga, come si comportano davanti all’uomo, ecc.
Queste preziose informazioni ti aiuteranno ad essere nel posto giusto al momento giusto.
Visitare la stessa località più di una volta può darti una visione completa ed esauriente del luogo e dei loro abitanti
Una cosa però deve essere chiara: gli uccelli sono estremamente difficili da avvicinare e ancor più da fotografare in una posa ideale.
Le splendide foto che vedi in Internet hanno due componenti fondamentali:
– molte ore di paziente attesa,
– studio e preparazione del fotografo.
Anziché andare in giro senza meta, sperando di avere fortuna e fare un incontro rilevante, progetta a priori quali specie di uccelli ti piacerebbe fotografare e studia dove si hanno più probabilità di trovarli.

Conclusioni
La caccia fotografica ha bisogno di pratica e costanza.
Non è facile ottenere da subito belle foto.
Esercizio e tanta attività ti porteranno presto grandi risultati.

Testo e foto di Alvaro Foglieni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *