Fotografia rurale

Vuoi realizzare incredibili foto di paesaggi rurali?
Si hai letto bene, panorami di campagna, quella che hai dietro casa o a pochi chilometri da dove vivi.
La fotografia paesaggistica campestre può essere estremamente facile, se sai cosa fare!
In questo articolo, scoprirai alcuni consigli che ti aiuteranno a creare splendide foto di paesaggi agricoli.

· Cerca soggetti che raccontino una storia
Non è facile trasmettere emozioni con la foto di un paesaggio rurale.
Guardati intorno, non trovi una inquadratura decente nemmeno a pagarla!
Non ci sono catene montuose altissime che ti circondano, né fantastici golfi marini con l’acqua dai mille colori.
In campagna la bellezza è più sottile, più difficile da catturare.
E allora, come fare?
Innanzi tutto, cerca dei soggetti che attirino l’attenzione: un contadino nel campo, un animale al pascolo, un albero colorato, un papavero, ecc.
Una volta trovato, avvicinati e scegli quello che più ti piace, che più ti ispira.
Quello sarà il fulcro principale delle tue fotografie.
Se ci pensi bene, in un ambiente rurale è molto facile incontrare delle vecchie cascine abbandonate, delle macchine agricole in disuso circondate dalle ortiche o delle recinzioni arrugginite e scrostate dal tempo.
Questi oggetti e queste abitazioni sono i luoghi dove le persone hanno vissuto e raccontano una storia del passato.
Tutto ciò che dà un senso di tristezza, di solitudine o vecchiaia e …funziona alla grande nelle foto!
Se riesci a trovare soggetti/oggetti che “anno vissuto tempi migliori”, sei sulla buona strada per creare grandi immagini di paesaggi rurali.
Il tuo obiettivo come fotografo è quello di creare una foto in cui lo spettatore possa avere un’idea di com’era l’ambiente quando le persone vivevano in questa cascina.

Se riesci a farlo, non hai solo scattato una foto, hai raccontato una storia!

· Evidenzia il soggetto principale
Una volta che hai trovato un bel soggetto, devi valorizzarlo.
La regola numero uno dice che il protagonista deve risaltare il più possibile dal resto della scena.
Se ci sono elementi di distrazione attorno al tuo soggetto, non inserirli, ma cambia l’angolazione del tuo scatto o avvicinati in modo da avere un’inquadratura più stretta.
Il caos in una foto non è gradito allo spettatore.
Le macchine agricole e le attrezzature abbandonate sono un ottimo soggetto per le tue storie fotografiche.
Molto probabilmente sono arruginite e ricoperte di erba o muschio.
Questo può dare un’indicazione del tempo.
Avvicinati e fotografa la ruggine che si è formata nel corso degli anni.
Isola l’elemento principale e lascia che il resto della scena completi la composizione.
Cerca anche le trame e i motivi interessanti nel terreno.
I campi cambiano le caratteristiche col mutare della luce e col cambiare delle stagioni.
I colori e le trame sono totalmente diversi quando l’erba cresce in estate rispetto ai campi arati in autunno.
Approfittane di questi cambiamenti.

· Scatta da angolazioni diverse
Come evidenziare il soggetto principale?
Ecco il mio consiglio: inizia scattando la classica foto stando in piedi di fronte al soggetto, con la fotocamera all’altezza degli occhi.

Ora, cammina qualche metro a destra e … click fai una foto.
Dopodiché, chinati per terra (siediti o metti un ginocchio a terra) e scatta di nuovo.
Quindi continua a variare il punto di ripresa, fotografando da diverse angolazioni e altezze.
Perché questa procedura?
Perché la prima foto che scatti, è raramente la migliore!
Solo producendo molte immagini, diverse fra loro, potrai vedere cose che non avresti notato con un’unica fotografia.
Il trucco è scattare tanto, per avere un’ampia scelta una volta a casa.
Avrai così una serie di composizioni più originali, con esposizioni diverse e inquadrature insolite.
Vedrai che il più delle volte sarà l’ultimo colpo a piacerti di più.

· La regola dei terzi
Come comporre un’inquadratura?
La regola dei terzi è una delle più potenti e riuscite tecniche di composizione.
Afferma che le migliori fotografie sono quelle che decentrano gli elementi principali di una foto.
Posizionare il soggetto lungo uno dei punti in cui le linee della griglia si incrociano renderà le tue foto molto più interessanti.
Quindi, dopo aver identificato il soggetto principale (Punti 1 & 2) ed averlo inquadrato nel modo corretto (Punto 3), non ti resta che posizionarlo sulla griglia “dei terzi”.
Se attivi la grigia sulla tua fotocamera (leggi il manuale della tua macchina fotografica per sapere come fare), vedrai delle sottili linee attraversare lo schermo che ti aiuteranno a collocare il soggetto con precisione.
Usalo, è un sistema molto utile e semplice che ti assicura di eseguire nel modo corretto questa importante regola di composizione.
Anche nella fotografia rurale è importante creare profondità nella composizione.
Assicurati di avere un primo piano, un piano intermedio ed uno sfondo.

· Fotografia minimalista
Un altro modo per fotografare bene i paesaggi rurali è la tecnica minimalista.
Il minimalismo si riferisce alle composizioni che hanno un unico soggetto e molto spazio vuoto attorno.
Immagini realizzate con questo metodo trasmettono un senso di solitudine e isolamento.
Scattare una foto “minimal” è facile, ecco un esempio: cerca una scena con un singolo soggetto e nient’altro (un albero solitario, una mucca in un campo, un trattore isolato, ecc.).
Usa la regola dei terzi e posiziona quel singolo elemento in corrispondenza di un incrocio inferiore della griglia e scatta!
In questo modo, il cielo dominerà il fotogramma e il paesaggio risulterà ancor più solitario.

· Maltempo
Si dice che se vuoi paesaggi rurali davvero belli, devi riuscire a trasmettere un sentimento di isolamento e tristezza.
Uno dei modi migliori per farlo è fotografare col maltempo!
Le nuvole scure e le atmosfere nebbiose aggiungono drammaticità alle foto.
La nebbia crea un meraviglioso senso di solitudine.
Inoltre, le giornate nuvolose portano una bella illuminazione diffusa, che rende molto più facile fotografare il soggetto perché non dovrai affrontare il problema del contrasto estremo nelle immagini.
Un cielo interessante è quello con nuvole che danno dimensione e carattere all’immagine.
Un panorama con un cielo tutto bianco è noioso, escludilo dall’inquadratura.

· Pieno sole? Scatta in bianco e nero
Nel suggerimento precedente, hai imparato a scattare nei giorni bui e nebbiosi
Cosa succede se il tempo è bello?
Le giornate luminose e soleggiate non fanno pensare alla solitudine e alla tristezza, sentimenti tipici di una fotografia rurale.
Inoltre, la luce del sole produce foto molto luminose, con contrasto elevato.
Il trucco per scattare splendide foto nei giorni di sole è…fotografare in bianco & nero.
Il bianco & nero può dare un tocco di personalità alle tue immagini, minimizzando il problema del contrasto elevato.

· Linee guida
Hai scoperto i diversi trucchi per creare splendide composizioni ed hai imparato a conoscere la luce migliore per la fotografia di paesaggio rurale.
Un ultimo consiglio: se vuoi creare incredibili composizioni usa le linee guida.
Le linee guida sono dei “tracciati” che iniziano nella parte inferiore del fotogramma e salgono.
Possono essere qualsiasi cosa: una recinzione, un fiume o una strada sterrata.
In pratica catturano gli occhi dello spettatore e lo conducono all’interno dell’immagine, facendolo sentire come realmente lì!
Idealmente, la linea porterà l’occhio direttamente sul soggetto della foto.
Fortunatamente, trovare linee guida non è difficile.
Una volta trovato un soggetto, cerca le linee guida più appropriata e posiziona la fotocamera in modo che entri nella scena dalla parte inferiore del fotogramma.
Le linee guida possono davvero migliorare le tue composizioni rurali.
Usale in ogni occasione!

Conclusioni
Una campagna con poche persone o nessuna attività agricola ispira tranquillità e distensione.
Nella tua foto, cerca di ricreare un sentimento di pace e serenità.
Fai capire allo spettatore che è lontano dalla caotica e frenetica città.
Metti in pratica i suggerimenti e porterai le tue foto di paesaggio rurale al livello successivo.

Testo e foto di Alvaro Foglieni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *