3 soggetti autunnali

Il 23 settembre (giorno dell’equinozio) è ufficialmente finita l’estate ed è iniziato l’autunno.
Nelle prossime settimane la natura offrirà paesaggi e colori in continua evoluzione, fonte di grande ispirazione per il fotografo della natura.
Saranno presenti infinite tonalità di marrone, giallo e rosso, tutte in attesa di essere immortalate dalla tua fotocamera …o dallo smartphone.

Quali sono i pincipali soggetti da fotografare in autunno?

Innanzitutto, le foglie colorate.
Cerca:
• boschi con alberi di differenti specie (avranno le foglie rosse, gialle, arancioni, marroni, ecc.)
• viali cittadini e non (cerca le strade alberate coi colori autunnali),
• bacini d’acqua (laghi, stagni, cave, ecc.) in cui si specchiano gli alberi.
Dopo aver realizzato immagini paesaggistiche, scatta foto ravvicinate alle foglie, soggetti ideali per immagini d’effetto.
Fotografa le foglie…
…sugli alberi,
…per terra,
…posate su specifici gli oggetti (es: panchina, muretto, ecc.),
…in volo mentre cadono.
Ricorda: foglie di specie diversa, hanno colori diversi.
Il trucco sta nel tornare più volte nello stesso posto per sfruttare le opportunità del cambio di colore con il passare dei giorni.

Un altro soggetto autunnale è la nebbia.
In particolare, le foschie del mattino che creano atmosfere magiche, misteriose.
A volte la nebbia uniforma i colori, ma in cambio caratterizza l’umore dell’immagine (es: malinconia è il sentimento tipico ricorrente).
In generale, la luce del Sole che filtra nella foschia bassa sui prati o penetra nella nebbia fitta in aria, offre splendide occasioni per realizzare eccezionali foto paesaggistiche autunnali.
Usa i raggi di Sole come elementi compositivi.
Quando fotografi la nebbia cerca di avere un punto focale principale in primo piano, come ad esempio gli alberi.
L’ideale sarebbe trovare un albero isolato, separato dagli altri.
Scatta quando c’è una nebbia fitta, in modo da porre tutta l’enfasi sul soggetto principale.
Usare la nebbia per nascondere lo sfondo o parti della scena, significa realizzare composizioni minimaliste di grande effetto, oltre che coprire tutte le fonti di distrazione e disturbo.

Ed infine, la fauna selvatica.
L’autunno è una stagione di grande fervore per molti animali.
Mentre si preparano per l’inverno, hai ottime opportunità per scatti che non sono i soliti ritratti, ma foto che mostrano un tipico comportamento stagionale in rapporto con l’ambiente.
Ovviamente la fauna selvatica non appare su richiesta e dovrai cercarla con attenzione.
Non è necessario avventurarti lontano da casa, giardini condominiali e i parchi cittadini ospitano molti tipi di animali selvatici.
Approfitta degli uccelli che frugano fra le foglie cadute al suolo, vedrai che potrai avvicinarti più del solito.
In questi casi, scatta da un’angolazione molto bassa.
Sfrutta il fatto che molti uccelli migrano ed i laghi e i fiumi sembrano senza vita.

Trasformali in un’opportunità per creare immagini minimaliste “soft high key”, ad esempio un uccello solitario su un paesaggio dai colori pastello.
Sovraesponi di circa 2/3 di stop, per preservare la luminosità del mattino.
Se l’estate è stata piuttosto calda, l’autunno sarà ricco di insetti.
Scatta a mano libera, impostando la modalità macro e scegliendo un valore di ISO elevato.
Preferisci un giorno dal meteo sereno, per evitare il disturbo del vento.
Il momento migliore per documentare le varie specie di uccelli in migrazione è la mattina presto, quando le condizioni atmosferiche di nebbia e foschia ti aiuteranno a creare un …set da favola.

Conclusione:
Gli uccelli migratori, le foglie colorate e le foschie che ricoprono il paesaggio, guardati intorno, l’autunno è dappertutto!
Sii pronto a cogliere le opportunità che la natura ti presenta.
È il periodo dell’anno che preferisco e la mia unica lamentela è che non dura abbastanza a lungo.

Testo e foto di Avaro Foglieni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *