GALASSIA NATURA
»
CACCIA FOTOGRAFICA DA APPOSTAMENTO









Una valida alternativa alla "caccia fotografica vagante", è rappresentata dalla fotografia da appostamento.
http://www.galassianatura.it/SUGGERIMENTI/Capanno%20sulla%20riva%20di%20uno%20stagno%20-%20PICT0013.jpg
In pratica, anziché girovagare alla ricerca di uccelli, ci si
nasconde in silenzio dentro un  riparo “fisso” e si attende l’arrivo dei volatili nei pressi del capanno.

In questo modo, ci si sottrae alla vista dagli animali che, non spaventati dalla presenza umana, si lasciano osservare e fotografare senza timore da una distanza più vicina.

Non importa la lunghezza focale della lente, più si è vicini, più grande è il soggetto, più definita è l'immagine.

Normalmente utilizziamo questo sistema di camuffamento quando fotografiamo  gli uccelli  che vivono in habitat  molto aperti.

L’esempio tipico è rappresentato dagli acquatici che frequentano laghi, lagune, stagni e paludi.
http://www.galassianatura.it/SUGGERIMENTI/Capanno%20mascherato%20in%20laguna%20-%20IMG_0115.jpg
Senza un capanno è impossibile sperare il loro avvicinamento fino ad una distanza ... "fotograficamente" accettabile.

Esistono 3 tipologie di capanni:

  • Capanno fisso
  • Capanno mobile
  • Auto

CAPANNO FISSO

http://www.galassianatura.it/SUGGERIMENTI/Capanno%20fisso%20muratura%20-%20PICT0117.jpgSono capanni stabili che si trovano nelle oasi naturali (es: Lipu, WWF, ecc).

Nella maggior parte dei casi, sono collocati in posizioni ideali per l’osservazione.

In genere sono di legno, con feritoie lunghe e strette alle pareti e panche per osservare gli animali stando "comodamente" seduti.

Il fatto che siano strutture fisse tutto l’anno, fa si che l’animale si abitui alla costruzione e si avvicini tranquillamente.
Sono le strutture che più ci piacciono.

Visitando le varie Oasi naturalistiche dislocate sul territorio nazionale (e non), ne abbiamo trovati di differenti tipologie: totalmente in legno, in muratura, in frasche, a terra, altane, su http://www.galassianatura.it/SUGGERIMENTI/Capanno%20aperto%20-%20PICT0249bis.jpgpalizzate, a due piani, ecc.

La nostra preferenza è a favore di quelle costruzioni con una visuale, il più vicino possibile al terreno o all'acqua.

In pratica si osservano e si fotografano gli uccelli alla ... loro altezza.

Sono molto apprezzati anche i capanni con la porta (da aprire e chiudere) e/o con l'entrata a labirinto (non diretta nella sala).

In queste costruzioni l'interno è ben oscurato ed è minimizzato anche il pericolo di rimanere controluce.

Gli uccelli sono più attivi al mattino presto e nel tardo pomeriggio, mentre possono scomparire durante il resto della giornata.
La qualità di luce può variare enormemente nel corso della giornata: luce calda e morbida al mattino e alla sera, dura a mezzogiorno.
Anche la direzione della luce cambia completamente durante la giornata.
Infine, l'attività umana varia durante il giorno, ad esempio alcune località sono più adatte al mattino, prima dell’arrivo di altre persone che potrebbero disturbare gli animali e/o occupare le feritoie migliori.

CAPANNO MOBILE
http://www.galassianatura.it/SUGGERIMENTI/Capanno%20mobile%20su%20lago%20-%20img_9981%20.jpg
Sono strutture smontabili e portatili, costituite da un’intelaiatura di alluminio (o lega leggera) e da un telo mimetico con una apertura dove far passare l’obiettivo della fotocamera.
Si acquistano nei negozi di articoli sportivi e sono utilizzati sia dai cacciatori, che dai fotografi.
Una volta montati, diventano un parallelepipedo  alto 170/180 cm e largo 100/120 cm per  lato.

In commercio esistono molte soluzioni:

- più larghe e comode,
- più o meno leggere,
- più o meno veloci da montare/smontare.


L’importante è che le pareti siano realizzate con una tela avente le seguenti caratteristiche:

  • robusta (resistente al vento ed agli strappi accidentali),
  • non trasparente (non  deve far  intravvedere nessuna ombra, anche se messa controsole),
  • impermeabile all’acqua (l’uso principale che ne faremo è in presenza di acqua),
  • di colore mimetico o neutro (deve confondersi in più possibile con l’ambiente circostante).

Il capanno inoltre dovrà essere:

  • stabile al vento,
  • facile e veloce da montare/smontare,
  • comodo
  • fornito di apposite aperture, in tutte e 4 le direzioni, in cui infilare obiettivi e/o binocoli.

Questo tipo di struttura dovrà essere sempre posizionata con il Sole alle spalle,  in luoghi frequentati da uccelli (es: aree dove vanno a mangiare o dove vanno a posarsi).
Fotografate il soggetto nelle diverse angolazioni possibili, ma le immagini migliori restano sempre quelle ad altezza animale.

AUTOMOBILE
http://www.galassianatura.it/SUGGERIMENTI/Auto%20mascherata.jpg
Gli uccelli, come la maggior parte degli animali selvatici, non amano essere avvicinati.
Pensate a quello che essi fanno quando vi vedono: se siete a piedi allo scoperto,  quasi certamente volano via non appena vi muovete.
Se invece saremo in auto, avrete la possibilità di avvicinarci maggiormente senza che gli uccelli si allontanino allarmati.
L’auto infatti rappresenta un nascondiglio altrettanto valido per osservare e fotografare gli animali a distanza ravvicinata.

E’ in pratica un vero e proprio “capanno a quattro ruote” che non spaventa più di tanto gli animali
Anzi, se avvicinati da un'auto adeguatamente mimetizzata, la distanza di fuga degli uccelli diminuisce  in misura  significativa.

Occorre però mettere in pratica alcuni accorgimenti, per riuscire a sfruttare questo “nascondiglio mobile”:

  • coprire i finestrini dei 4 lati con teli mimetici (la Multipla è un vero e proprio "attico con vista ...")
  • Aprire i finestrini anteriori: lato guida e passeggero.
  • Fissare sul finestrino il “cuscino anti-vibrazione”, sul quale si appoggerà la macchina fotografica.
  • Avvicinarsi lentamente all’animale, monitorando continuamente gli eventuali segnali d’allarme che possono indicare una fuga imminente.
  • Evitare frenate brusche o movimenti repentini.
  • Arrivati a tiro, non spegnere subito il motore, ma lasciarlo in moto e rimanere immobili il più possibile.
  • Quando ci si accorge che l’animale si è tranquillizzato, spegnare il motore, ma restare ancora immobili.
  • Iniziare a fotografare, solo quando si è sicuri che l’uccello è tranquillo.

http://www.galassianatura.it/SUGGERIMENTI/Auto%20interno%20camuffata.jpgSpesso, può accadere che dopo un lungo e paziente avvicinamento, l’uccello scappi via.

E’, infatti, facilmente verificabile da tutti quanto gli uccelli capiscano la differenza fra un’auto in movimento ed una ferma.

Finché si è in movimento, l’animale è tranquillo, ma appena la vettura si arresta, il volatile … prende il volo.

In questi casi, suggeriamo di far guidare l’auto da un passeggero per  dedicarsi  totalmente all’aspetto fotografico:

- puntare l’obiettivo quando la vettura  è ancora in movimento

- scattare  la foto nell’attimo esatto in cui si ferma.

Nei momenti di attesa, controllate la fotocamera e verificate che sia settata nel modo ideale.
E’ meglio farlo prima di scattare una raffica di immagini e, accorgersi,in post produzione, che contengono errori.

La messa a fuoco deve essere sempre centrata sull’occhio.
Scattare molte foto permette anche, una volta a casa, di fare una selezione più accurata delle immagini.
Ricordate:  non sempre si ha una seconda possibilità.
Se non avete riconosciuto la specie è meglio avere le foto delle differenti parti dell’animale: la testa, il corpo, il groppone, le gambe e la coda.
A casa, tutti questi elementi potrebbero rivelarsi utili per l'identificazione. 

E’ utile far notare che gli uccelli sono estremamente difficili da trovare e ancora più difficili da fotografare in una posa ideale.
Tutte le foto di uccelli che vedete nelle riviste, sono il risultato di molte ore di paziente attesa, ma sono anche il risultato di molta preparazione.


Quanto sono state utili le informazioni ricevute?
Lascia un tuo commento nel GuestBook, ci vuole meno di un minuto e per noi è molto importante.
Ci aiuterà a conoscere se avete trovato validi i consigli ed i suggerimenti, capire le vostre necessità e migliorare ancora di più il nostro sito.
Grazie!



Ricordo al lettore che, come ogni attività che si rispetti, anche il birdwatching segue una linea etica ed un codice di comportamento.
Di seguito segnalo qualche spunto di riflessione, per tutti coloro che desiderano avvicinarsi a questa attività:


- Avere sempre presente che l'incolumità degli uccelli viene prima di tutto.
- Rispettare e proteggere l'ambiente naturale.
- Evitare di disturbare gli uccelli.
- Non interferire con l'attività riproduttiva dell'animale.
- Comportarsi fuori di casa come nel proprio giardino.