GALASSIA NATURA
»
HABITAT RIPRODUTTIVO







Conoscere gli ambienti per conoscere meglio gli uccelli che li abitano.
Risulta impossibile parlare di uccelli senza sapere gli habitat idonei alla nidificazione.
Delle molte classificazioni possibili, noi ci siamo limitati ad elencare gli ambienti naturali e non, che si possono incontrare nella Pianura padana, non molto lontano da Milano.
Sono 23 diversi habitat e la loro conoscenza aiuterà a capire meglio l’avifauna che li frequenta e si riproduce.

Zone Umide
PALUDI, STAGNI, ACQUITRINI
Questi ambienti acquatici ospitano numerose popolazioni di uccelli perché forniscono abbondanza di cibo, nascondigli e protezione contro molti predatori.
Sono anche  i luoghi ideali per la nidificazione di moltissimi uccelli.
I chiari con l’acqua bassa, che si aprono tra il canneto e la riva, ospitano numerose specie di uccelli durante la stagione riproduttiva.


Airone bianco maggiore,
Airone cenerino,
Airone guardabuoi,
Airone rosso,
Cannaiola comune,
Cannareccione,
Cuculo,
Folaga,
Gallinella d’acqua,
Garzetta,
Germano reale,
Nitticora,
Pendolino,
Porciglione,
Tarabusino,
Sgarza ciuffetto,
Tuffetto,
Usignolo di fiume.
BACINI ARTIFICIALI, CAVE, VASCHE DI DECANTAZIONE
Anche gli ambienti di origine artificiale e di ridotte dimensioni, possono avere molta importanza per la nidificazione di alcune specie di uccelli.
Queste aree, spesso abbandonate perché è cessato il loro interesseestrattivo, col tempo si sono trasformate in zoneumide, colonizzate dalla vegetazione.


Ballerina bianca,
Cannaiola comune,
Cannareccione,
Cavaliere d’Italia,
Cormorani,
Corriere piccolo,

Cuculo,
Cutrettola,
Folaga,
Gallinella d’acqua,
Germano reale,
Gruccione,
Martin pescatore,
Marzaiola,
Pendolino,
Piro piro piccolo,
Porciglione,
Sterna,
Tarabusino,
Topino,
Tuffetto,
Usignolo di fiume,
Svasso maggiore.

LANCHE, MORTE, MEANDRI
Sono anse che il fiume ha abbandonato, per scegliere altre direzioni.
Sono zone umide di notevole importanza, dove una ricca avifauna si rifugia trovando l’ambiente ideale per nidificare nella folta vegetazione tipica di specchi d'acqua stagnanti.

Alzavola,
Cannaiola comune,
Cannareccione,
Corriere piccolo,
Cuculo,
Gallinella d’acqua,
Germano reale,
Migliarino di palude,
Pendolino,
Porciglione,
Tarabusino,
Tuffetto,
Usignolo di fiume.

 

LAGHI, SPECCHI D'ACQUA, BACINI LACUSTRI
Sono luoghi di nidificazione di molteplici uccelli acquatici che generalmente si servono dei canneti e della folta vegetazione delle sponde, per trovare un luogo riparato per la nidificazione.

Gallinella d’acqua,
Cigno reale,
Folaga,
Tuffetto,
Germano reale,
Svasso maggiore.
SCARPATE, RIVE SABBIOSE, ALZAIE

Sono gli ambienti tipici di corsi d'acqua lenti e piccoli laghetti o stagni circondati da rive sabbiose o da altre scarpate di terra nuda, adatte alla nidificazione di uccelli che scavano il nido in profondi tunnel nelle pareti degli argini naturali.

Ballerina bianca,
Gruccione,
Martin pescatore,
Topino.
RIVE ERBOSE, SPONDE COPERTE DI CESPUGLI, ARGINI CON ARBUSTI
La presenza di una fitta copertura vegetazionale naturale di ripa,  oltre che essere uno strumento di difesa idrogeologica, è un riparo sicuro per numerose specie di uccelli e l’habitat ideale per la nidificazione.

Ballerina bianca,
Capinera,
Cuculo,
Folaga,
Gallinella d’acqua,
Germano reale,
Scricciolo, Usignolo,
Usignolo di fiume.
GRETI DI FIUME, GHIAIETI, SABBIONI
In prossimità del greto sassoso di un fiume, dove la ghiaia è parzialmente ricoperta da depositi di sabbie, possiamo trovare i luoghi idonei per la nidificazione di alcune specie di uccelli.

Corriere piccolo,
Piro piro piccolo,
Sterna maggiore,
Succiacapre.
Ambienti alberati
SPONDE CON ALBERI, ARGINI BOSCATI
La vegetazione presente lungo le sponde dei fiumi oltre a svolgere un’importante azione di equilibrio del sistema fluviale (le radici trattengono e stabilizzano le sponde, mentre i tronchi degli  alberi ed arbusti concorrono adiminuire la velocità dellacorrente) fornisce fontialimentari e siti di riproduzione ad una ricca comunità ornitica.

Airone bianco maggiore,
Airone cenerino,
Airone guardabuoi,
Allocco,
Capinera,
Cardellino,
Cincia mora,
Cinciallegra,
Cinciarella,
Codibugnolo,
Colombaccio,
Cornacchia grigia,
Cuculo,
Fringuello,
Garzetta,
Ghiandaia,
Lodolaio,
Luì piccolo,
Merlo,
Nitticora,
Pendolino,
Pettirosso,
Picchio rosso maggiore,
Picchio verde,
Rigogolo,
Scricciolo,
Sgarza ciuffetto,
Storno,
Succiacapre,
Torcicollo,
Tortora selvatica,
Upupa,
Usignolo,
Verdone.
BOSCHI, MACCHIE, ARBUSTETI
La presenza di alberi maturi aumenta la diversità ecologica e paesaggistica della campagna, oltre ad offrire numerosi siti di nidificazione per l’avifauna.

Airone bianco maggiore,
Airone cenerino,
Airone guardabuoi,
Allocco
Averla piccola,
Capinera,
Codibugnolo,
Colombaccio,
Cuculo,
Garzetta,
Gazza, Gufo comune,
Luì piccolo,
Merlo,
Nitticora,
Picchio verde
Pigliamosche,
Picchio rosso maggiore,
Sgarza ciuffetto,
Sterpazzola,
Succiacapre,
Torcicollo,
Tortora selvatica,
Upupa,
Usignolo.
FILARI DI ALBERI
I filari di alberi di creare dei corridoi ecologici, che consistono in strisce di territorio differenti dal contesto agricolo, in cui di solito si collocano.
I corridoi ecologici sono ritenuti elementi importanti sia per il valore estetico del paesaggiosia per la quantità di siti dinidificazione che l’avifauna può trovare in una pianura dedita sempre più alla monocoltura.


Averla piccola,
Cinciallegra,
Colombaccio,
Cornacchia grigia,
Gazza,
Merlo,
Passera mattugia,
Pigliamosche,
Storno,
Torcicollo.
PIOPPETI INDUSTRIALI
La coltivazione del pioppo si è sviluppata notevolmente negli ultimi 20 anni ed il pioppeto è ora presente in molte aree della pianura padana.
Alcuni uccelli gradiscono il pioppeto, perché lo identificano come un bosco e lo utilizzano per la nidificazione.


Colombaccio,
Cornacchia grigia,
Fringuello,
Gufo comune,
Lodolaio,
Merlo,
Picchio rosso maggiore,
Rigogolo,
Storno.
GIARDINI PUBBLICI, PARCHI CITTADINI E PERIFERICI
I parchi urbani possono essere considerati delle isoleverdi in mezzo al grigioredi una città ricca di traffico e smog.
Queste aree hanno una grande importanza per gli animali che vivono in città.
Negli ultimi anni si è accertato che molte specie di uccelli frequentano i giardini pubblici e vi nidificano in modo regolare.


Allocco,
Gufo comune,
Capinera,
Cardellino,
Cincia mora,
Cinciallegra,
Cinciarella,
Codibugnolo,
Colombaccio,
Fringuello,
Gazza,
Merlo,
Picchio rosso maggiore,
Cornacchia grigia,
Pigliamosche,
Storno,
Tortora dal collare orientale,
Tortora selvatica,
Usignolo,
Verdone,
Verzellino.

FRUTTETI, VIGNETI, SERRE
Grazie alla presenza di grandi esemplari arborei, i vigneti ed i frutteti, hanno una notevole importanza per gli uccelli nel  periodo riproduttivo.

Averla piccola,
Cardellino,
Cinciallegra,
Fringuello,
Gazza,
Pigliamosche,
Torcicollo,
Verdone,
Verzellino.

Campagna
INCOLTI ERBOSI E CESPUGLIOSI
Gli incolti erbosi sono contraddistinti da piante erbacee con pochi piccoli arbusti che formano zone cespugliate.
Queste zone sono frequentate, soprattutto durante la nidificazione, dalla tipica avifauna delle distese erbose.


Allodola,
Averla piccola,
Beccamoschino,
Cappellaccia,
Cutrettola,
Succiacapre,
Pigliamosche,
Saltimpalo,
Sterpazzola,
Strillozzo.
SBANCAMENTI, ESCAVAZIONI, CAVE DI SABBIA
Nonostante gli impatti negativi, dovute alla costante presenza dell’uomo e delle macchine, gli scavi sono in grado di “attirare” alcune specie di uccelli che depongono le uova in avvallamenti e/o cavità scavate nel terreno.
Le terre tenere si cavano assai facilmente e gli uccelli utilizzano il becco come un badile e le zampe come palette per smuovere la terra.


Cappellaccia,
Corriere piccolo,
Gruccione,
Martin pescatore,
Topino.
PRATI STABILI, COLTIVAZIONI ERBACEE, COLTURE FORAGGERE
Prati stabili e le foraggere, sono habitat importanti per la conservazione dell'avifauna perché forniscono un’importante fonte alimentare e offrono riparo per la nidificazione di alcuni uccelli.

Allodola,
Cappellaccia,
Cutrettola,
Quaglia,
Saltimpalo.
COLTIVAZIONI CEREALICOLE, COLTURE ALIMENTARI
Esistono alcune specie di uccelli che popolano l’ecosistema agricolo: quel particolare ambiente creato nei secoli dall'uomo agricoltore.
Alcune pratiche agricole favoriscono l'incremento della quantità e della qualità degli ambienti di rifugio, migliorando i siti di nidificazione e di alimentazione degli uccelli.


Allodola,
Beccamoschino,
Cutrettola,
Pavoncella,
Quaglia,
Saltimpalo.
Ambienti antropizzati
RUDERI, ROVINE, MANUFATTI VARI
Nelle campagne i ruderi dei casolari abbandonati e anche i muri a secco e altre strutture agricole dotati di nicchie e cavità, sostituiscono speso i luoghi naturali di nidificazione di numerose specie di uccelli.

Allocco,
Codirosso spazzacamino,
Ballerina bianca,
Ballerina gialla,
Barbagianni,
Cornacchia grigia,
Civetta,
Gheppio,
Passera d’Italia,
Passera mattugia,
Storno,
Upupa.

GIARDINI CONDOMINIALI, ORTI URBANI
L’agricoltura intensiva e l’espansione delle periferie hanno progressivamente eroso l’ambiente naturale delle nostre campagne.
I giardini privati o condominiali così come gli orti che si trovano nelle aree urbane e suburbane, assumono sempre più importanza per la nidificazione degli uccelli selvatici.

Capinera,
Cardellino,
Cinciallegra,
Colombaccio,
Fringuello,
Gazza,
Merlo,
Pigliamosche,
Tortora dal collare,
Verdone,
Verzellino.

CIMITERI, CAMPOSANTI, NECROPOLI
I cimiteri sono luoghi di quiete, particolarmente ricchi di vegetazione arborea.
Alcuni uccelli si sono adattatati alla vicinanza con l’uomo e hanno scelto i camposanti come habitat per la riproduzione.


Ballerina bianca,
Barbagianni,
Cardellino,
Cinciallegra,
Civetta,
Fringuello,
Gazza,
Merlo,
Passera d’Italia,
Passera mattugia,
Pigliamosche,
Storno,
Tortora dal collare,
Verdone,
Verzellino.
CASCINALI, FATTORIE, CASE RURALI
Per la nidificazione, alcuni uccelli sono strettamente legati agli ambienti antropizzati come le abitazioni rurali, le cascine e le fattorie.

Barbagianni,
Civetta,
Codirosso comune,
Gheppio,
Passera d’Italia,
Passera mattugia,
Rondine,
Rondone,
Storno,
Tortora dal collare.
STABILIMENTI, EDIFICI INDUSTRIALI, INDUSTRIE
Il deterioramento degli habitat naturali e l'espansione delle città e delle aree industriali hanno obbligato molti uccelli a rifugiarsi negli territori realizzati dall'uomo ed a nidificare nei tetti dei capannoni e delle fabbriche.

Ballerina bianca,
Civetta,
Gheppio,
Passera d’Italia,
Passera mattugia,
Storno.
CITTÀ, CENTRI URBANI, VILLAGGI
La città offre molti ambienti ideali per la nidificazione di alcuni uccelli.
I palazzi simulano le pareti rocciose e le falesie, le temperature invernali sono più miti, c’è sempre luce e questo stimola la riproduzione, si trova cibo in quantità e non ci sono i predatori naturali.
Molti uccelli nidificano stabilmente in città.


Balestruccio,
Ballerina bianca,
Ballerina gialla,
Barbagianni,
Cinciallegra,
Civetta,
Codirosso comune,
Codirosso spazzacamino,
Merlo,
Passera d’Italia,
Passera mattugia,
Pigliamosche,
Rondine,
Rondone,
Storno,
Taccola,